il calore del legno, la resistenza del bamboo
vantaggi e svantaggi posa flottante vs posa incollata

VANTAGGI E SVANTAGGI POSA FLOTTANTE VS POSA INCOLLATA

Di seguito una breve terminologia preliminare:

POSA FLOTTANTE

(o galleggiante) vuol dire che il parquet è semplicemente appoggiato su un piano di posa; la posa può essere a secco nel caso di incastro a click autobloccante che lega una tavola all’altra, e in questo caso il parquet si può smontare e rimontare a piacere; oppure può avvenire con colla vinilica nell’incastro maschio-femmina nel caso l’incastro non sia a click autobloccante, quindi le assi devono essere legate l’una all’altra con adesivo per non scivolare via; nel caso in cui il parquet venga rimosso, ciò non potrà avvenire senza rompere la colla che lega le assi, con conseguente perdita della maggior parte delle tavole.

POSA INCOLLATA

vuol dire che il pavimento scelto è incollato a terra con un adesivo e non può più essere rimosso se non rompendolo tutto.

PARQUET MASSELLO

pavimento tutto in essenza, tratto interamente da un tronco d’albero, in essenza nobile per tutto il suo spessore.

PARQUET SUPPORTATO

parquet multistrato composto di varie essenze; gli strati inferiori possono essere compensati vari come betulla, pioppo o HDF e lo strato superiore è costituito da un’essenza nobile di qualunque specie; da notare che per essere chiamato parquet lo strato nobile superiore deve essere spesso almeno 2,5 mm.

PARQUET PREFINITO

pavimento in legno la cui finitura superficiale è già stata realizzata in fabbrica, quindi una volta posato è subito pronto per essere calpestato; da non confondere col parquet supportato in quanto, se è vero che quasi tutti i supportati sono prefiniti, non è però vero che tutti i prefiniti sono supportati, in quanto esistono anche i masselli prefiniti.

CHE TIPO DI POSA SCEGLIERE?

Non esiste un metodo migliore dell’altro. Dipende da vari fattori:

– che tipo di parquet si è scelto;
– che genere di sottofondo ci troviamo come piano di posa;
– che preferenze ha il cliente.

Vediamo un fattore per volta:

PARQUET SCELTO

Sul mercato esistono moltissimi tipi di parquet, diversi per composizione, aggancio, finitura ecc. Ci sono diverse eccezioni e casi particolari, ma come regola generale possiamo dire che il parquet in legno massello si incolla a terra (o si inchioda) poiché leggermente meno stabile del parquet supportato, anche se molto dipende dall’essenza scelta; ma se lo stesso presenta un aggancio a click, vuol dire che l’essenza e la lavorazione garantiscono una stabilità tale da permettere il montaggio flottante (come nel caso del nostro pressato da 12 mm). Viceversa, i parquet supportati, sia che abbiano l’aggancio a click sia maschio-femmina, si possono indifferentemente incollare al massetto o mettere flottanti.

SOTTOFONDO

Dato per scontato che il sottofondo debba essere solido, asciutto, pulito e in piano, se abbiamo un massetto cementizio possiamo sia incollare sia mettere flottante; se abbiamo un sottofondo ancora umido o dal quale si sospetta possa risalire un po’ umidità nel tempo, è meglio metterlo flottante (sempre che l’essenza scelta lo permetta) con un telo in PVC anti-umidità sotto il tappetino; se il sottofondo è un po’ sgranato, ci sono delle piastrelle che saltano via o comunque per un motivo o per l’altro non è né liscio né compatto, di nuovo si andrà a posare un pavimento galleggiante; se c’è un sottofondo in legno, non si può incollare perché i movimenti dei due legni andrebbero a “tirare” in direzioni opposte.

PREFERENZE DEL CLIENTE

Ciò è del tutto personale, sia per gusto, sia per esigenza, ecc. Quello che possiamo fare noi è elencare i vantaggi e gli svantaggi principali della posa in opera con entrambe le metodologie.

LA POSA INCOLLATA LA PREFERISCE CHI

– vuole una sensazione di più solidità sotto i piedi;

– chi sa che terrà lo stesso parquet per decenni e pensa di rilamarlo dopo anni; questo processo è più facile da attuare con un pavimento incollato;

– chi non vuole vedere i giunti di dilatazione tra un ambiente e l’altro;

– chi ha il riscaldamento a pavimento;

– per la posa in bagno.

LA POSA FLOTTANTE LA PREFERISCE CHI

– preferisce montarsi da sé il parquet (posa DIY fai da te);

– vuole avere la possibilità di smontare il pavimento e riutilizzarlo in un altro luogo (circa l’80% del pavimento potrà essere usato di nuovo);

– desidera preservare un pavimento sottostante che non si vuole rovinare, per esempio quando si affitta un’abitazione ad estranei;

– non vuole colle sotto i piedi, neanche le più ecologiche;

– sa che c’è presenza di umidità un po’ sopra la norma;

– ha il sottofondo irregolare, difetto che viene assorbito dalla presenza di un materassino che si mette sempre quando si procede ad una posa di tipo galleggiante.