il calore del legno, la resistenza del bamboo
flottante a click del bamboo pressato

POSA FLOTTANTE DEL PARQUET DI BAMBOO STRAND WOVEN

Istruzioni per il posatore

Gli accorgimenti per la posa galleggiante del parquet di bamboo strand woven massello con incastro a click sono gli stessi degli altri parquet ad incastro autobloccante.

POSA FLOTTANTE CON MATERASSINO

il montaggio flottante consiste nell’appoggiare le doghe di parquet direttamente sul sottofondo senza bloccarle ad esso in modo permanente. Le nostre tavole di bamboo per posa fluttuante sono dotate di incastro autobloccante a click Unilin e non hanno quindi bisogno di nessun collante: la posa sarà completamente a secco. E’ sempre necessario interporre un materassino tra due materiali rigidi come parquet e sottofondo, in quanto questo strato di materiale morbido ha proprio la funzione di assorbire rumori, colpi e, a seconda dei modelli, anche l’umidità.

Procedere come segue:

– a meno che il tappetino prescelto non abbia già incorporata una posa e montaggio galleggiante con tappetino bamboo pressatobarriera a vapore di alta qualità, è sempre consigliabile stendere un foglio in polietilene dello spessore di almeno 0.2 mm sopra tutto il sottofondo da ricoprire, per evitare eventuali risalite di umidità; questa barriera contro l’umidità andrà risvoltata “a vasca” contro le pareti per un’altezza sufficiente a ricoprire almeno lo spessore del parquet e poi rifilata quando si andrà a montare il battiscopa; se il sottofondo è costituito da pavimento in linoleum o materiale vinilico non deteriorato, la barriera a vapore può non essere necessaria;

– sopra il telo in polietilene, si poserà il tappetino vero e proprio, di spessore variabile tra 1 e 3 mm, con il film trasparente rivolto verso l’alto; si consiglia di svolgere un rotolo per volta, posare il parquet e poi svolgere un altro rotolo, di modo che camminandoci sopra non si rovini;

– a questo punto si può iniziare a posare il pavimento; iniziare l´installazione dalla parete sinistra verso la parete destra posizionando le tavole parallelamente alla parete più lunga della stanza e avendo cura di lasciare sempre e comunque uno spazio tra il legno e tutti i muri (compresi oggetti verticali fissi come pilastri o altro) di circa 1-1.4 cm; per tenere la distanza, si possono utilizzare degli spaziatori in legno che verranno tolti dopo la fine della posa;

– anche nella posa flottante si procede a file; terminata una fila ed eseguiti i necessari tagli, si passa alla fila successiva: si aggancia la prima tavola della seconda fila alla fila precedente, poi si posa la seconda tavola della seconda fila agganciandola alla fila precedente (quindi per il lato lungo) e poi, con un colpo di martello (non dato direttamente sulla tavola ma su un pezzo di legno che si appoggi alla tavola), la si batte finché non si va ad incastrare sul lato corto della tavola posata subito prima; posa con materassino bamboo strand woven

– quando si posa un parquet galleggiante, è importante spezzare la pavimentazione con giunti di dilatazione e successivi coprigiunti ogni qualvolta si superi una larghezza di 7 ml o una lunghezza di 8 ml; anche tra un ambiente e l’altro bisogna prevedere di mettere un giunto che renda indipendente la pavimentazione di un ambiente da quella di un ambiente contiguo. Infatti, a differenza della posa con colla, la posa flottante comporta il fatto che diversi elementi sono legati l’un l’altro ma non ancorati al pavimento; questo potrebbe tradursi in tensioni contrapposte che, se estese a un intero ambiente grande non interrotto da opportuni spazi di dilatazione, non darebbero modo al parquet di muoversi in maniera corretta. In sostanza, il pavimento di ogni singolo locale deve avere modo di muoversi in maniera indipendente;

– posizionare le doghe sfalsate una rispetto all´altra di almeno 20 cm; ciò conferisce robustezza all’intera pavimentazione. Per ultimo, fissare il battiscopa al muro, verificando che ciascuna tavola abbia lo spazio necessario per espandersi e contrarsi in modo naturale;

– se è previsto che elementi di arredo siano fissati in modo permanente al pavimento, come pareti in cartongesso, tavoli fissi, banconi, grossi mobili, ecc, questi non devono essere fissati sul pavimento flottante, ma installati direttamente sul massetto PRIMA che il pavimento venga posato; il concetto base è che il parquet possa muoversi liberamente senza trovare ostacoli che ne impedirebbero la naturale espansione in presenza di umidità ambientale o caldo atmosferico.

– terminata l’installazione delle tavole, pulire completamente il pavimento e far riposare tutta l’area per circa 12 ore.

VANTAGGI

I vantaggi di questo tipo di posa sono numerosi:

– facilità di montaggio per il fai da te;

– possibilità di smontare il pavimento e riutilizzarlo in un altro luogo (circa l’80% del pavimento potrà essere usato di nuovo);

– preserva un pavimento sottostante che non si vuole rovinare, per esempio quando si affitta un’abitazione ad estranei;

– assenza totale di colle;

– è la posa più consigliata in presenza di umidità un po’ sopra la norma;

– quando il sottofondo è irregolare, difetto che viene assorbito dalla presenza di un materassino che si mette sempre quando si procede ad una posa di tipo galleggiante.

Video